Chi ha Paura di Virginia Woolf?

REGIAMargherita Scalise
CONKarin Rossi, Marco Panettiere, Elisabetta Rossi, Marco Merenda
LUCISerena Tassetti
AUDIODiego Carozzi
MAKE UPSara Villa
FOTO/VIDEOCarlo Biffi
ACCONCIATURELorella Cattaneo
COSTUMIElisabetta Galaffu
SCENOGRAFIEGruppo Teatro Bagai
PRODUCTION SUPERVISORDiego Carozzi
GENEREPsicodramma
ATTI3
Riconoscimenti

Premio migliore giovane promettente attrice: Karin Rossi
Concorso G.A.T.a.L. 2015/2016
Lo spettacolo

“Non c’è luna; è tramontata la luna.”
“C’è la luna; è sorta la luna.”
“Temo che tu sia in errore.”
“No, no.”
“Non c’è nessuna maledetta luna.”
“Martha, non raccolgo fiori al buio. Non ho mai derubato una serra senza una luce dal cielo.”

Martha, figlia del rettore dell’Università, è alla continua ricerca di cambiamenti, di adrenalina, di giochi audaci. Per questo motivo mette a dura prova i nervi e i sentimenti di coloro che la circondano, fino a rischiare di rimanere sola con le sue illusioni.
George, suo marito, è professore di Storia della stessa Università. Ha una personalità sfuggente e molteplice, come se non potesse permettersi di mostrarsi totalmente agli altri. Solo nella relazione con Martha riesce a smascherarsi.
Nick, novello collega di George, è uno schietto e ambizioso pragmatico. Punta al controllo, alla fredda chiarezza di ogni persona e circostanza. Peccato che, a fronte di questo, i suoi parametri siano limitati ed autoreferenziali.
Honey, moglie di Nick, ha forse avuto un tempo grandi aspirazioni, perdute tuttavia con la rassegnazione che gli anni e gli eventi le hanno caricato sulle spalle. Ha un pedante riguardo nei confronti del marito come di tutto ciò che la circonda, senza tuttavia volerne vedere la profonda verità.
In una nottata turbolenta le relazioni dei quattro vengono messe a nudo, le loro apparenze scarnificate, le loro reali identità esposte crudamente.

L’autore

Edward Albee vive, ormai ottantenne, a New York. “Who’s afraid of Virginia Woolf?” è la sua opera di maggior successo, scelta anche per una fortunatissima trasposizione cinematografica. Scritta nel ’62, l’opera è subito resa oggetto di grande fama e popolarità, spesso determinata proprio dallo scandalo provocato dalla rappresentazione in alcune città d’oltreoceano. Albee è stato premiato per tre volte con il premio Pulitzer, conferitogli in virtù di tre sue differenti opere (tutte e tre atti unici) ed è considerato tra i più importanti autori americani del ‘900.

Date
7 MARZO 2015Oratorio S. Domenico Savio
Villanova di Bernareggio MB
8 MARZO 2015Oratorio S. Domenico Savio
Villanova di Bernareggio MB
26 APRILE 2015Sala consiliare
Robbiate LC
8 MAGGIO 2015Auditorium della Circoscrizione
Bergamo, quartiere Loreto
6 MARZO 2016Bloom
Mezzago MB
8 MAGGIO 2016Bloom
Mezzago MB